Alimentazione in gravidanza

Alimentazione in gravidanza

Il mio ginecologo lo preferivo prima.

Prima, quando ancora riusciva a fugare ogni mio dubbio; quando ancora aveva il vecchio

studio con parcheggi interni;

Prima, quando non aveva la bilancia in studio!

Sarà che ormai vige la regola “snello è bello”, ma sfido chiunque ad esser snella in

gravidanza, Canalis esclusa ovviamente.

Per la prima figlia ricordo ancora che avevo la possibilità di barare. Lo so, lo so …non fate

quelle facce!!!avevo ancora 29 anni ero giovane e potevo farlo, semplici bugie a fin di bene!

Ad ogni visita il mio ginecologo, ignaro di aver davanti la secondogenita di Geppetto, mi

poneva la medesima domanda:

“Quanti kg ha preso questo mese?”

E così,con un visino d’angelo, iniziavo a far calcoli: radici quadrate, divisioni, sottrazioni e infine

arrotondavo ovviamente per difetto.

Ora posso ammetterlo, non ho mai dichiarato ciò che possedevo…quasi come quando alla

dogana aeroportuale, al rientro da Amsterdam, volevo nascondere il mio possesso di 10

legalissimi Chupa Chupa aromatizzati alla Marjuana.

Ora, oltre ad essere più esperta, dover fare mille giri per cercare un parcheggio, devo subire

anche l’umiliazione dell’essere pesata.

Si perché lui, il mio adorato ginecologo, si dev’ essere stufato di aver davanti a sé una trottola

che sostiene di avere lo stesso peso di Kate Moss.

All’ultima visita la sentenza:

DIETA POVERA IN CARBOIDRATI:PASTA PANE PATATE PIZZA.

POVERA IN DOLCI.(chi glielo dice che da quando ho il Bimby sono diventata Nonna

Papera?

Io che se mangio un pezzo di torta devo mangiarne subito un altro perché i numeri dispari

non mi piacciono; io, che “no, con questa fetta ho fatto storta la torta, la devo raddrizzare

tagliandone un’altra; io che “la torta va mangiata rigorosamente appena tolta dal forno”)

Comunque vi giuro, ha scritto proprio così…sapete perché? ??Perché quella maledetta

bilancia segnava 1 kg, e dico solo un kg in più rispetto al dovuto.

Ecco perché lo preferivo prima.

Sta dimostrando, pesandomi, di non aver più fiducia in me e con le pazienti affezionate non ci

si comporta così .

Non è valido, ecco.

Dev’essere uno dei motivi principali per cui la maggior parte delle persone cambia

ginecologo per la seconda gravidanza.

Sì, perché l’alimentazione è importante in gravidanza. Peccato che ognuna di noi sia nelle

mani del proprio medico perché tutto dipende dalla scuola di pensiero a cui lui fa parte.

C è chi non fa mangiare crostacei, chi

I formaggi non stagionati, chi le uova …vi assicuro che ne ho sentito di ogni.

Per fortuna il mio, a parte la riduzione attuale di dolci e le 4 P, mi da l’ ok per mangiare tutto

ed ovviamente lo prendo in parola!

Su una cosa sola fa del terrorismo: allerta Toxoplasmosi quindi carne ben cotta e

frutta/verdura ben lavate…possibilmente con bicarbonato.

A casa il problema non si pone, ma chi ci è passata, sa che se si mangia fuori ci sono dei

limiti. Si perché in ristorante non ce lo vedo lo chef mettere a “galleggiare” la tua frutta e

verdura nel bicarbonato per 15 minuti per poi lavarla accuratamente.

Con la carne risolvo …mediamente la rimando indietro quelle due volte, perché anche se

chiedo “Ben cotta, grazie!”, al cuoco gli prende proprio male farmi portare una soletta…è più

forte di lui! così ci prova almeno una volta e ti arriva una bella bistecca ben cotta fuori ma

quando la tagli, quasi fosse un tortino al cuore caldo, esce fuori il sughetto. …”aaaargh,

cameriereeeeee!”

Il più grande problema ahimè sono le verdure e la frutta che ormai evito di prendere.

Quindi penserete: problema risolto?

Anche no!

Si perché ormai nelle cucine è diventata una Sfida a chi mette più prezzemolo a crudo o a

chi nasconde meglio pezzi di frutta/verdura nei piatti degli ignari clienti.

“Sa signora ,é per guarnizione”

“Sì ma le avevo specificato senza prezzemolo a crudo”

“Scusi non lo può togliere?” Insiste il cameriere.

(NoNonPossoToglierloCretinoPercheSeÈ InfettoMiInfettaTutto )

Quindi ora rispondo: “Sono allergica al prezzemolo” e da quel momento in poi ricevo solo

piatti passati al vaglio dei Nas. ..con le allergie non si scherza!

Quando vado a cena da qualcuno faccio mille domande, questo come l’hai lavato ,il coltello

con cui hai tagliato la salsiccia l’hai poi usato per tagliare il formaggio? Facendo ormai piazza

pulita tra gli amici che secondo me eviteranno di riavermi a casa loro almeno fino al

momento del parto.

Poi c’è chi ovviamente, (forse sono gli stessi che vorrebbero decidere il nome del tuo

prossimo figlio…inizia a sorgermi il dubbio) parla così tanto per:

“Ma sei esagerata”

“In 32 anni non hai mai preso la toxoplasmosi saresti proprio sfigata a prenderla ora”

“Ai miei tempi queste cose non eaistevano”….Sorrisino da ebete e Sfanculata a denti stretti. Perché si sa…l’educazione in Primis.

Vanessa P.

Commenti

  1. Giorgia dice:

    Questo articolo non poteva che strapparmi un sorriso..alla protagonista vorrei dire che un chilo in più o un chilo in meno non fa la differenza perché a renderla bella è quel fagottino che porta in grembo..una donna in attesa emana una bellezza fuori dal comune? Ne approffitto per complimentarmi con chi gestisce questo blog…mi piace perché tratta diversi argomenti tutto al femminile dalla bellezza alla cucina, dall’amore per un uomo all’essere mamma..leggendo i diversi articoli ho possibilità di aggiornarmi e confrontarmi su diversi temi..diciamo che è il mio piccolo angolo web a cui mi dedico prima di andare a letto la sera… perché è vero che siamo lavoratrici, mogli e mamme ma non dimentichiamoci che siamo soprattutto Donne!!???

    • Grazie di cuore Giorgia mi hai fatto emozionare con il tuo bellissimo comment perchè hai descritto esattamente ciò che vorrei trasmettere inoltre concordo perfettamente con te sul l’immensa bellezza di una donna in dolce attesa . Ti mando bacio grande

Parla alla tua mente

*